« Vedi tutti i viaggi con destinazione Tanzania - Zanzibar

dall'11 al 22 Agosto 2019 Tanzania Safari & Cultura Locale Top - dall'11 al 22 Agosto 2019 - *ULTIMI DUE POSTI DA MILANO*

Arusha Kilimanjaro - Tarangire National Park - Lake Natron - Manyara National Park - Serengeti National Park - Ngorongoro Crater - Lake Eyasi

OPERATIVO VOLI

11 Agosto Milano Malpensa – Istanbul TK1874 14.45 – 18.35
11 Agosto Istanbul – Arusha Kilimanjaro TK 567 19.50 – 05.05+1
22 Agosto Arusha Kilimanjaro – Istanbul TK 567 06.00 – 12.55
22 Agosto Istanbul – Milano Malpensa TK 1895 16.25 – 18.15

1° Giorno: Milano Malpensa – Istanbul – Arusha Kilimanjaro

Partenza dall’aeroporto di Milano Malpensa con volo riservato Turkish Airlines diretto ad Arusha Kilimanjaro con scalo a Istanbul. Pasti e pernottamento a bordo.

2° Giorno: Arusha Kilimanjaro

Proseguimento del volo da Istanbul in direzione di Arusha Kilimanjaro. Arrivo all’aeroporto internazionale del Kilimanjaro: rilascio individuale del visto d’ingresso (USD 50,00 da pagarsi in loco); trasferimento all’hotel selezionato per il pernottamento (l’hotel è situato a 30 minuti circa dall’aeroporto). Durante la giornata proponiamo un giro in bicicletta alla scoperta dei villaggi e delle piantagioni di banane e caffè che circondano la piacevole e verdissima cittadina di Arusha. Chi lo desidera può prendere parte ai nostri progetti dei quali alleghiamo a seguito descrizione, un modo per vivere in modo più ricco e autentico questo viaggio. Le attività della giornata sono facoltative, da pagarsi in loco.
Green Hills Lodge
Pernottamento e prima colazione

3° Giorno: Arusha – Tarangire National Park

Dopo la colazione, incontro con la guida parlante italiano ed il resto del gruppo e partenza con veicolo 4X4 in direzione del Tarangire National Park: arrivo al gate d’ingresso dopo circa tre ore di viaggio e sosta per il pranzo pic-nic in una delle area panoramiche lungo le Silale swamp. Pomeriggio dedicato al safari. Il Tarangire National Park ha una superficie di 2.600 Km² ed è solcato dal fiume Tarangire che garantisce la presenza di numerosi animali e in particolar modo di branchi di elefanti, oltre che di mammiferi quali orici, kudu, leoni, ghepardi e leopardi. Durante il periodo secco (la nostra estate) è molto interessante vedere i numerosi animali che vanno ad abbeverarsi intorno alle poche pozze d’acqua lungo il fiume, è il periodo più adatto per gli avvistamenti. Diversamente, durante la stagione umida (il nostro inverno), il corso del fiume si riempie d’acqua attraendo così molti animali; la ricca vegetazione circostante fa da nascondiglio ai predatori che riescono in questo modo a cacciare più tranquillamente. In alcune aree inoltre imponenti baobab dominano la savana. Arrivo al lodge situato all’interno del parco nel tardo pomeriggio, cena e pernottamento.
Ang’ata Tarangire
Pensione completa – pranzo a pic-nic

4° Giorno: Tarangire National Park – Lake Natron

Dopo la colazione partenza in direzione nord verso il Lago Natron, con stop per il pranzo pic-nic lungo il tragitto. Oggi il trasferimento può durare anche cinque ore, ma si è ripagati dai panorami mozzafiato della Rift Valley caratterizzati da pianure infinite punteggiate da vulcani come l’Oldonyo Lengai (‘montagna di Dio’, sacra ai masai), unico ancora attivo della zona ed unico al mondo ad eruttare lava natro-carbonitica, ricca di sodio e carbonati, che sgorga a temperature ‘basse’ tra i 500° e 600°, è la lava più ‘fredda’ al mondo! Il Lake Natron ha una superficie che ricorda una tavolozza di colori che vanno dal bianco al rosa, dal rosso al marrone, questo a causa dell’alta salinità delle sue acque e della scarsità di piogge. I pochi animali che vivono nel lago sono i fenicotteri che si nutrono di un’alga presente nello stesso (e che conferisce a questi uccelli il colore rosa che li caratterizza); tra agosto e ottobre in quest’area se ne contano fino a 2.5 milioni. Sistemazione al lodge e tempo a disposizione per un’escursione al lago. Cena e pernottamento.
Lake Natron Camp
Pensione completa – pranzo a pic-nic

5° Giorno: Lake Natron (visite culturali e trekking)

Giornata dedicata alla scoperta della zona e alle molteplici attività incluse proposte dal lodge tra cui:
• visita ad un autentico villaggio maasai
• trekking per ammirare la cascata di Ngarasero
• visita al Lago Natron sia nei pressi del lodge che alla sponda opposta (possibilità di ammirare testimonianze preistoriche dei primi ominidi)
• trekking di 6 ore alla scoperta dei suggestivi paesaggi della Rift Valley
• trekking di 5 ore fino alle sorgenti Maji Motto
• visita al villaggio di Ngare Sero e ai suoi progetti eco-sostenibili
Solo per coloro che sono in ottima forma fisica e che hanno esperienza di trekking in montagna di medio livello, scalata notturna dell’Ol Doinyo Lengai dalla cui sommità (che si raggiunge con le prime luci dell’alba) si può ammirare un paesaggio mozzafiato sulla Rift Valley che forma il vulcano stesso e tutti i rilievi circostanti. Attività da prenotare e pagare in loco ($100,00).
La bellezza del lago Natron e di tutta l’area ne fanno un luogo perfetto dove trascorrere una giornata tra momenti di relax e momenti dedicati alla scoperta della cultura tradizionale maasai, in questa parte del paese queste tribù sono meno abiutuate al contatto con i turisti e pertanto molto più amichevoli e autentiche. Gli stessi Maasai fanno parte integrante del personale dell’Eco Lodge e sono anche guide con le quali poter dialogare e venire a conoscenza della cultura di questo antico popolo.
Lake Natron Camp
Pensione completa – pranzo a pic-nic

6° Giorno: Lake Natron – Manyara National Park – Karatu

Dopo la colazione, partenza in direzione del Manyara National Park. Pranzo pic-nic lungo il tragitto.
Nel pomeriggio safari nel parco. Il parco è abbastanza piccolo, circa 360 Kmq, parte dei quali occupati dal lago, offre però paesaggi molto vari: grazie alla presenza di sorgenti d’acqua sotterranee la parte settentrionale è occupata da una fitta foresta pluviale con imponenti alberi di mogano, tamarindo, ficus; l’area del lago invece si apre con una savana arida con poca vegetazione e alle sue spalle è possibile vedere le alture formate dalla Great Rift Valley. Altra peculiarità è la presenza di leoni chiamati ‘arboricoli’, perché sono soliti salire sui rami delle acacie ad ombrello e trascorrere ore in relax, atteggiamento insolito per questi animali. Manyara è altresì uno dei luoghi di maggiore interesse per i birdwatchers grazie alla presenza di più di 380 specie di uccelli, nel lago è facile avvistare stormi di pellicani e fenicotteri.
Proseguimento per Karatu, cena e pernottamento al lodge.
Questa piccola cittadina è il punto di accesso alla Ngorongoro Conservation Area, che comprende tutta l’area di altopiani vulcanici tra la scarpata occidentale della Great Rift Valley e le vaste pianure del Serengeti; è immersa nella foresta tipica dell’area e punteggiata da piccoli lodge e vecchie farm house (oggi perlopiù adibite a strutture ricettive) circondate da una folta vegetazione e da piantagioni di thè e caffè, una zona che merita senz’altro una sosta; molti lodge organizzano delle visite guidate alle piantagioni (su richiesta).
Farm House Valley
Pensione completa – pranzo a pic-nic

7° Giorno: Karatu – Serengeti National Park

Prima colazione al lodge e successiva partenza in direzione del Serengeti National Park. Il percorso è su pista e dopo aver lasciato la rigogliosa Ngorongoro Conservation Area, si percorre una strada che attraversa paesaggi molto più aridi, punteggiati da villaggi Masai, lungo un itinerario molto suggestivo. Ingresso da Naabi Hill Gate con sosta per il pranzo pic-nic; proseguimento verso l’area centrale del parco chiamata Seronera con safari lungo il tragitto. Arrivo al camp, sistemazione in camera e, dopo un po’ di relax, cena nella tenda-ristorante.
Baobab Camp
Pensione completa – pranzo a pic-nic

8° Giorno: Serengeti National Park

Giornata interamente dedicata ai safari all’interno del parco. Pranzo pic-nic durante il safari, cena al campo.
Il Serengeti National Park ha un’estensione di 14.763 Km² ed è il più vasto parco del paese; è teatro della più grande migrazione di mammiferi del continente africano che vede lo spostamento annuale di circa 2 milioni di gnu, di un milioni di zebre e di erbivori di varia specie che compiono un percorso di circa 800 Km alla ricerca di nuovi pascoli ed acqua. Si tratta di uno degli eventi naturali più spettacolari di tutto il continente! I grandi fiumi Grumeti e Mara sono senz’altro gli ostacoli più difficili di questo tragitto, le mandrie attraversano terrorizzate questi corsi d’acqua, i loro corpi si contorcono, si calpestano, diventando spesso vittime di leoni e coccodrilli, solo i più forti e fortunati riescono a raggiungere il Kenya. Non vi sono orari e tempi precisi per determinare la migrazione, avviene a seconda delle piogge; gli animali infatti si spostano seguendo le piogge stagionali. Il periodo migliore per vedere gli animali della migrazione nel Serengeti è tra novembre e luglio-agosto con particolare intensità tra gennaio e febbraio, quando le femmine di gnu si concentrano nella piana di Ndutu per partorire i loro cuccioli. Nel periodo secco che va da luglio-agosto ad ottobre è possibile vedere l’ultima parte della migrazione nelle aree centro-settentrionali del parco; ovviamente tutta l’area rimane comunque un ottimo luogo dove fare meravigliosi safari anche in periodi dell’anno differenti grazie alla presenza di moltissimi animali stanziali, come i grandi predatori! Dal punto di vista morfologico la parte meridionale del parco è caratterizzata da vaste pianure sulle quali spesso è possibile ammirare delle formazioni rocciose chiamate ‘koppies’, grandi blocchi di granito di origine vulcanica che, modellati dal vento, hanno assunto nei secoli la forma di enormi massi sferici; quella centrale è invece attraversata da vari fiumi, mentre il nord è caratterizzato da colline ricoperte da boschi di acacie. Il tutto un vero paradiso per gli amanti della natura e dei safari!
Baobab Camp
Pensione completa – pranzo a pic-nic

9° Giorno: Serengeti National Park – Ngorongoro Crater – Karatu

Dopo la colazione, partenza verso sud, in direzione del cratere di Ngorongoro addentrandosi prima nella zona di foresta che ne caratterizza le pendici e poi salendo fino ai bordi con sosta al ‘Crater View Point (2.216 m di altitudine) da dove ammirare un panorama meraviglioso che permette (meteo e nuvole permettendo) di avere una veduta d’insieme sull’immensa caldera e di percepirne la vastità! Discesa nella caldera per una giornata dedicata ai safari (le autorità locali consentono dei safari di massimo 6 ore); profonda 600 m e del diametro di 19 Km quella di Ngorongoro è la più vasta caldera ininterrotta e integra esistente al mondo, un anfiteatro naturale di eccezionale bellezza che occupa una superfice di circa 300 Kmq. Al suo interno vivono tra i 25.000 e i 35.000 mammiferi (gnu, zebre, bufali, gazzelle di Grant e Thomson, antilopi, ippopotami, elefanti ed una piccola popolazione di rinoceronti neri, non facili da avvistare in quanto sono pochi e purtroppo in via d’estinzione a causa del bracconaggio), inclusi predatori quali leoni, facilmente avvistabili durante la stagione secca, ghepardi e leopardi, più difficili da trovare. Parte del cratere è occupata dal Lago Magadi, le cui dimensioni dipendono dalla pioggia, spesso si possono ammirare centinaia di fenicotteri che vi si recano per nutrirsi. Pranzo pic-nic in uno dei siti di sosta e proseguimento del safari; nel pomeriggio proseguimento fino al gate di uscita quindi sistemazione al lodge selezionato situato nei pressi di Karatu. Cena al lodge e pernottamento.
Marera Valley
Pensione completa – pranzo pic-nic

10° Giorno: Karatu – Lake Eyasi

Dopo la colazione, partenza verso il Lake Eyasi, situato non molto lontano da Karatu; si tratta di uno dei laghi salati della Great Rift Valley e si trova in una piccola depressione all’ombra del monte Oldeani. Tra le aride zone boschive intorno al lago vivono le tribù degli Hadzabe e dei Datoga: gli ultimi autentici gruppi di cacciatori-raccoglitori del Paese. Arrivo al lodge per l’ora di pranzo. Nel pomeriggio partenza per la visita di un villaggio della popolazione Blacksmith, specializzati nella lavorazione dei metalli che vendono ai loro cugini Datoga ed Hadzabe che popolano la zona. Dopo aver ammirato l’arte della lavorazione dei metalli usati per la creazione di monili, coltelli, frecce ed altri strumenti utili alla contivazione, partenza verso il successivo villaggio abitato dai Datoga, popolazione di allevatori agricoltori. Le donne trattano le pelli di capra per ricavarne indumenti che adornano con perline colorate. Vivono una vita molto autentica seguendo tradizioni ancestrali; arrivati dal Sudan in Tanzania e poi allontanati dai Masai sulle sponde del Lago Eyasi. Successiva visita alle sponde del lago Eyasi per ammirare il tramonto. Cena e pernottamento al lodge riservato.
Lake Eyasi Safari Lodge
Pensione completa – pranzo pic-nic

11° Giorno: Lake Eyasi – Arusha

Dopo la colazione, partenza verso Arusha. Pranzo pic-nic in corso di viaggio. Arrivo e sistemazione presso l’hotel riservato per la cena ed il pernottamento.
The Blues & Chutney River
Mezza pensione

12° Giorno: Arusha – Kilimanjaro

Dopo la colazione partenza verso l’aeroporto di Kilimanjaro. Imbarco sul volo risevato di rientro con scalo ad Istanbul. Arrivo a Milano Malpensa in serata.

Partenze e costi

Data partenzaPrezzo per persona
11/08/2019€3980

MINIMO 4 PARTECIPANTI / MASSIMO 6 PARTECIPANTI

Quota individuale di partecipazione € 3.980,00
Tasse aeroportuali attuali € 300,00
Vedi nel dettaglio le quote di partecipazione »

LA QUOTA DI PARTECIPAZIONE COMPRENDE:

• Voli intercontinentali Turkish Airlines come da dettaglio precedentemente indicato in classe economica dedicata;
• Veicoli 4×4 (MASSIMO 6 PERSONE PER MEZZO), carburante incluso;
• N. 01 autisti/guida parlante italiano per tutta la durata dal tragitto;
• Tour North Tanzania in Lodge/ Camp indicati in programma o similari;
• N. 01 camera in day use il giorno della partenza;
• Pensione completa per tutto il soggiorno;
• Ingressi (fees per il veicolo compresi) ai parchi menzionati in programma: Manyara National Park, Lake Eyasi, Ngorongoro Conservation area e cratere, Serengeti National Park per 2 giorni, Lake Natron e Tarangire National Park;
• Attività: safari in tutti i parchi nazionali; attività culturali con tribu Datoga, Hadzabe e Black Smith; visita con aperitivo al tramonto al Lake Eyasi; safari nel cratere di Ngorongoro;
• Tutti i trasferimento (compreso quello dell’ultimo giorno da Arusha città all’aeroporto);
• Assistenza in tutti gli aeroporto;
• Acqua (1 litro al giorno a persona di acqua) e soft drink a bordo dei veicoli;
• Assicurazione ‘Flying Doctors’ che copre le spese di trasporto in elicottero in loco in caso di necessità;
• Assicurazione medico-bagaglio (massimale spese mediche EUR 20.000,00);

LA QUOTA DI PARTECIPAZIONE NON COMPRENDE:

• Tasse aeroportuali;
• Visto d’ingresso USD 50,00;
• Mance (come per le altre aeree dell’East Africa, è buona abitudine lasciare delle mance al personale degli hotels e alla vostra guida in questa misura: guida autista da 7,00 a 15,00 USD a persona al giorno; facchinaggio 1,00 USD a persona al giorno;
• Pasti non menzionati in programma e bevande nei lodge;
• Tutto quanto non specificato alla quota ‘comprende’

Trova il viaggio dei tuoi sogni

I campi del seguente modulo contrassegnati da (*) sono obbligatori.

Attenzione

Occorre compilare correttamente tutti i campi evidenziati

Completa il form

Messaggio inviato

Grazie per la richiesta inviata, ti risponderemo quanto prima. Mokoro Tours

Ok

E non dimenticarti di seguirci sui social :)

Alert etiopia Alert botswana